Cosa faccio?

Mi occupo del vostro benessere.

L’Organizzazione Mondiale di Sanità (OMS) definisce il benessere come “lo stato emotivo, mentale, fisico, sociale e spirituale di ben-essere che consente alle persone di raggiungere e mantenere il loro potenziale personale nella società”. Tutti e cinque gli aspetti sono importanti, ma ancora più importante è che questi siano tra loro equilibrati per consentire agli individui di migliorare il loro benessere.

Affinché questo equilibrio sia raggiunto e mantenuto è fondamentale riconoscere l’essere umano stesso come la principale fonte per la propria salute e riconoscere che la salute e la protezione della salute costituiscono un grande investimento e una grande sfida di tutte le società che sono chiamate ad occuparsi del problema ecologico globale e degli stili di vita come indicato dalla Carta di Ottawa per la promozione della Salute.

Il nuovo modello integrato mente-corpo-energia che oggi si sta sempre più diffondendo nella comunità scientifica si propone di promuovere e diffondere la visione Olistica e dell’Uomo sia nei suoi complessi processi biologici e psicologici (interni), sia nei complessi processi di interscambio con l’ambiente di cui è parte (esterno); ambiente che non è più solo concepito attraverso la teoria eco-sistemica ma anche attraverso le teorie energetiche, mentali e spirituali. Per promuovere il benessere è pertanto necessario individuare tutti i fattori che consentono alle persone di migliorare la salute e investire su questi.

Le recenti acquisizioni in ambito epistemologico stanno ponendo un importante cambiamento in biologia, medicina e psicologia. Queste nuove teorie scientifiche attribuiscono alla mente ed alle emozioni la capacità di influenzare la salute psicofisica della persona. La letteratura scientifica internazionale ha evidenziato come gli atteggiamenti mentali, i sistemi di credenze, i processi cognitivi e le emozioni agiscano anche ad un livello molto sottile che sottende la dimensione biologica e mentale: l’equilibrio energetico. Esistono pratiche di ascolto e di intervento che contribuiscono al ristabilimento di questo equilibrio e quindi al recupero e/o al mantenimento della salute. Inoltre, l’integrazione di queste pratiche con quelle della medicina tradizionale, riduce i tempi dei trattamenti e li rende più efficaci.

sassi_neri_sl

Olismo. Il paradigma olistico ha una concezione completamente diversa del corpo e delle sue malattie rispetto a quella che ha il paradigma meccanicistico (quello occidentale) e considera il corpo, la mente e lo spirito come un’unità e l’uomo come parte della natura. L’Olismo considera gli aspetti corporei e mentali dell’uomo in stretta relazione tra loro tant’è che non possono essere considerati isolatamente bensì visti entro un contesto più ampio, un’estesa rete di connessioni.

Dunque l’Olismo non prende in considerazione il singolo sintomo ma sempre l’essere umano nel suo complesso sia nei suoi complessi processi biologici e psicologici, sia nei complessi processi di interscambio con l’ambiente di cui è parte. Corpo, mente e spirito vengono considerati reciprocamente dipendenti perché concorrono a formare un’unità: il corpo influenza la mente e lo spirito e nello stesso tempo la mente e lo spirito influenzano il corpo. Il concetto di armonia e di salute sono inscindibilmente legati infatti salute significa equilibrio armonioso di tutte le forze nell’uomo e sintonia dell’uomo con il proprio ambiente.

Allarghiamo il punto di vista.

Comprendere la vita significa osservarla nella sua totalità, studiarla come un sistema unico, una rete coerente e complessa che interagisce al suo interno e con l’ambiente circostante realizzando in maniera autopoietica cioè creativa i processi che le permettono di rinnovare, istante per istante, la sua situazione di equilibrio dinamico (F. Capra).

E’ perciò pertinente affermare che è possibile prendersi cura della propria salute e del proprio benessere intervenendo ad esempio sulle abitudini alimentari, adottando stili di vita diversi, imparando a gestire le proprie emozioni negative a favore di quelle positive, mantenendo atteggiamenti positivi su di sé, praticando tecniche terapeutiche che coinvolgono il respiro e lo sviluppo della consapevolezza, migliorando l’ambiente che ci circonda, riscoprendo antichi rimedi naturali e così via.

Il nuovo modello integrato mente-corpo-energia auspica ad un Integrative Health Care (IHC), un sistema terapeutico che integri la biomedicina occidentale (MT) compresa la Medicina Veterinaria con le CAM (Complementary and Alternative Medicine), un’offerta sanitaria oramai riconosciuta a livello internazionale. Lo scambio culturale avvenuto tra la comunità dei medici classici e quella dei medici esperti nelle CAM terapies, entrambe riconosciute e protette dall’OMS, può portare all’adozione di modelli terapeutici integrati.

Le tecniche.

Sono pratiche in grado di migliorare l’equilibrio personale e in molti casi di risolvere in maniera naturale e senza controindicazioni disturbi di varia natura. Si tratta nello specifico di esercizi che derivano dalle discipline orientali, di tecniche di rilassamento, di addestramento alla presenza mentale e percorsi di meditazione che contribuiscono in modo significativo al ristabilimento dell’equilibrio energetico della persona e di conseguenza al recupero e/o mantenimento della salute. Queste pratiche derivano dalle discipline orientali che prevedono movimenti flessuosi ed armonici che si accompagnano ad una respirazione adeguata e anch’essa armonica; i movimenti lenti e flessuosi donano anche maggiore elasticità alle articolazioni, rinforzano i muscoli, riducono la massa grassa, migliorano le funzioni cardiovascolari, purificano la pelle e così via. L’obiettivo però non è la forza muscolare del paziente quanto il controllo dell’energia vitale che serve a riequilibrare le energie negative da cui derivano, secondo le filosofie orientali, i malesseri della persona.

Psicoterapia (individuale, di coppia e famigliare).  E’ una relazione accogliente, di ascolto, rispettosa e non giudicante in cui terapeuta e cliente collaborano affinché quest’ultimo conosca meglio il modo in cui funziona e, laddove necessario, lo cambi, conosca meglio i suoi desideri e trovi modi più maturi per soddisfarli. Per questa attività mi avvalgo della collaborazione delle care colleghe e amiche Dott.ssa Eleonora Menin e  Dott.ssa Antonia Dimovska.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>